Privacy Policy
Crea sito
Header
HomeNewsPhoto GalleryContattiSegnalazioniTeam
truesicilia
Prossimi Concerti
Blog
Locali
Photo Gallery
GuestBook
Recensioni & co.
Live Report
Recensioni Band
Recensioni Cd
Recensioni video
Interviste
Inserisci
News

[12/06/2013]

Comunicato We Rock Fest

Dopo tanta attesa,torna per il quarto anno consecutivo l'evento estivo catanese dedicato al metallo pesante.
Rinfrescheremo due notti torbide nel consueto splendido palcoscenico naturale alle pendici del vulcano...
e non a caso quest'anno il fuoco è protagonista anche dell'artwork della locandina, poichè i nostri ospiti musicisti anche stavolta sapranno creare l'atmosfera esplosiva che contraddistingue l'evento da sempre.
Siamo orgogliosi di presentarvi il bill del WE ROCK FEST IV OPEN AIR 2013: quest’anno si affiancheranno a
valide band siciliane e calabresi, gruppi provenienti da Toscana, Piemonte e Umbria.
Piccola sorpresa: grazie al progetto “BloodRed”,nato dall’unione dell’esperienza di musicisti appartenenti a
rse, commemoreremo la prematura scomparsa di Jeff Hanneman (Slayer).
Tante saranno le emozioni in un crescendo di energia, dall'Hard Rock più classico, passando per le
composizioni più moderne dello Stoner Rock, per arrivare al Thrash e Death Metal, nel solito clima sereno e
cordiale, tra paradiso e inferno... THE WAY TO HEAVEN & HELL.
**********


Online le foto del concerto dei Bunker 66 + Guru of Darkness + Camera Obscura
del 25/11/2011
all'insomnia

**********

Pubblicità
Links
Web Zine
Band
Altro
Sito
Aggiungi preferiti
Segnala ad un amico

Memories of a Lost Soul
7 Steps to Nothingness - 2004

L’album “7 Steps to Nothingness” è l’ultima fatica dei Memories of a Lost Soul: in un tempo relativamente breve, circa 37 minuti, sono presentati otto brani, che scorrono veloci, senza mai annoiare o infastidire. Il disco è autoprodotto, ma registrato in modo professionale; il booklet è essenziale, privo di inutili orpelli, ma con un efficace contrasto di colori, per una agevole leggibilità dei testi. Precisiamo, però, per correttezza, che i Memories of a Lost Soul hanno recentemente firmato un contratto con la label francese Deadsun Records: pertanto, l'album è stato ristampato con una grafica diversa da quella appena descritta, relativa alla copia in nostro possesso, e verrà distribuito worldwide. Le canzoni sono caratterizzate da vari cambi di tempo, con una buona dose di aggressività alternata a momenti atmosferici, come è giusto che sia per un gruppo che suona death metal melodico; la formazione è composta da una sezione ritmica molto precisa e veloce e da un tastierista abile a ricreare le oscure visioni nichiliste del cantante e chitarrista Buzz, a tratti addirittura feroce. Il primo momento clou è “Sleepin bad Consciousness”: un brano articolato, con un ottimo uso delle tastiere, mai invadenti, e con un bel duetto tra il growling e una sensuale voce femminile. E’ la stessa voce femminile, però, a non convincerci molto in “Nekroantimateria”, dato che l’interpretazione, più acuta, è meno gotica e sfiora la pop music. Una nota a parte merita la strumentale “Love damned Story”, lenta, per un tocco di dolcezza che non guasta, bensì ci induce a sognare. Il secondo pezzo di particolare rilievo è “Religion of the End”, breve ma compatto, che passa dalla potenza pura a delle accattivanti melodie di chitarra e tastiera; la bonus track “Tales from Kadath”, dotata di un ritornello particolare, chiude il disco. Un album, quindi, dal perfetto equilibrio tra azione e riflessione, tra tormento ed estasi, che consigliamo, pertanto, sia ai deathsters incalliti che agli appassionati di altri settori che vogliano aprire i loro orizzonti musicali.

Contatti: www.memoriesofalostsoul.com

Voto: 8,5

Giuliano Latina

Recensione vista 127 volte

Created by Powser - Graphic by KWD
Creative Commons License
Truesicilia.org è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.