Privacy Policy
Crea sito
Header
HomeNewsPhoto GalleryContattiSegnalazioniTeam
truesicilia
Prossimi Concerti
Blog
Locali
Photo Gallery
GuestBook
Recensioni & co.
Live Report
Recensioni Band
Recensioni Cd
Recensioni video
Interviste
Inserisci
News

[12/06/2013]

Comunicato We Rock Fest

Dopo tanta attesa,torna per il quarto anno consecutivo l'evento estivo catanese dedicato al metallo pesante.
Rinfrescheremo due notti torbide nel consueto splendido palcoscenico naturale alle pendici del vulcano...
e non a caso quest'anno il fuoco è protagonista anche dell'artwork della locandina, poichè i nostri ospiti musicisti anche stavolta sapranno creare l'atmosfera esplosiva che contraddistingue l'evento da sempre.
Siamo orgogliosi di presentarvi il bill del WE ROCK FEST IV OPEN AIR 2013: quest’anno si affiancheranno a
valide band siciliane e calabresi, gruppi provenienti da Toscana, Piemonte e Umbria.
Piccola sorpresa: grazie al progetto “BloodRed”,nato dall’unione dell’esperienza di musicisti appartenenti a
rse, commemoreremo la prematura scomparsa di Jeff Hanneman (Slayer).
Tante saranno le emozioni in un crescendo di energia, dall'Hard Rock più classico, passando per le
composizioni più moderne dello Stoner Rock, per arrivare al Thrash e Death Metal, nel solito clima sereno e
cordiale, tra paradiso e inferno... THE WAY TO HEAVEN & HELL.
**********


Online le foto del concerto dei Bunker 66 + Guru of Darkness + Camera Obscura
del 25/11/2011
all'insomnia

**********

Pubblicità
Links
Web Zine
Band
Altro
Sito
Aggiungi preferiti
Segnala ad un amico

Antonello Giliberto
The Mansion of Lost Souls - 2013

Elenco brani:
1. Equinox
2. Lotus Effect
3. The Mansion of Lost Souls
4. Sorrow
5. Flight of the Sleeper
6. Entr’act
7. The Power of the Whip
8. Dream of the Dead Tree
9. Rise of the Titans
10. Ballade no. 3
11. The Ride
12. Commiato


“The Mansion of Lost Souls” è il primo album di Antonello Giliberto, tramite il quale il chitarrista di origine siracusana ci presenta il suo stile. A dire il vero, tre diplomi in chitarra fusion alla Guitar Academy e l’insegnamento presso le sedi di Catania, Siracusa, Ragusa e Palazzolo Acreide (SR), insieme alle collaborazioni con la rivista di chitarra “Axe” e con i gruppi Flowers’ Grandsons e Blue Train, costituiscono senz’altro un’apprezzabile presentazione, ma un progetto solista è pur sempre da considerarsi un punto di svolta nella carriera di ogni musicista.
Il disco, strumentale, dura circa cinquanta minuti e raffigura in copertina un uomo con due teste: una è rappresentata mentre urla; l’altra, pietrificata, invita al silenzio ed all’osservazione di una disarmante disperazione come quella di un bambino che piange, mentre un rapace volge fisso il suo sguardo all’arido spazio circostante.

L’avvio è affidato ad “Equinox”, brano power metal caratterizzato da vari cambi di tempo e da pregevole solismo, dapprima melodico, quindi più selvaggio; “Lotus Effect” si fa notare per gli effetti orientaleggianti, mentre altri effetti di natura dark orlano le melodie classic metal di “The Mansion of Lost Souls”. La lenta canzone “Sorrow”, imperniata sulla chitarra classica, lascia poi il passo alla pomposa “Flight of the Sleeper”, dominata dal solismo melodico a due chitarre.
La brevissima “Entr’act”, che verte su una chitarra effettata, funge da introduzione per il serrato assalto power metal “The Power of the Whip”, al quale segue la misteriosa chitarra classica di “Dream of the Dead Tree”; si continua con la travolgente “Rise of the Titans” e con la melodica “Ballade no. 3”, per poi concludere con il potente power metal “The Ride” e con il breve e lento “Commiato”.

Come già scritto, l’album è influenzato dalla musica classica, che viene sapientemente mescolata a melodie e ritmi tipici del power e del classic metal; una buona registrazione permette di apprezzare la struttura compositiva dei singoli pezzi, che evidenziano non solo un eccellente lavoro alle chitarre, ma anche il valido supporto ritmico. Il CD, che avrebbe potuto essere più personale, non è autocelebrativo (come a volte capita quando i chitarristi si lasciano prendere la mano dal loro ego), pertanto lo consigliamo agli appassionati di classic e power metal, ma anche agli ascoltatori dall’udito particolarmente raffinato ed esigente.


Sito ufficiale: http://antonellogiliberto.jimdo.com

Myspace: http://www.myspace.com/antonellogiliberto

Facebook: http://www.facebook.com/antonello.giliberto

Youtube: http://www.youtube.com/user/AntonelloGiliberto


Voto: 7,5

Giuliano Latina

Giuliano Latina

Recensione vista 127 volte

Created by Powser - Graphic by KWD
Creative Commons License
Truesicilia.org è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.