Privacy Policy
Crea sito
Header
HomeNewsPhoto GalleryContattiSegnalazioniTeam
truesicilia
Prossimi Concerti
Blog
Locali
Photo Gallery
GuestBook
Recensioni & co.
Live Report
Recensioni Band
Recensioni Cd
Recensioni video
Interviste
Inserisci
News

[12/06/2013]

Comunicato We Rock Fest

Dopo tanta attesa,torna per il quarto anno consecutivo l'evento estivo catanese dedicato al metallo pesante.
Rinfrescheremo due notti torbide nel consueto splendido palcoscenico naturale alle pendici del vulcano...
e non a caso quest'anno il fuoco è protagonista anche dell'artwork della locandina, poichè i nostri ospiti musicisti anche stavolta sapranno creare l'atmosfera esplosiva che contraddistingue l'evento da sempre.
Siamo orgogliosi di presentarvi il bill del WE ROCK FEST IV OPEN AIR 2013: quest’anno si affiancheranno a
valide band siciliane e calabresi, gruppi provenienti da Toscana, Piemonte e Umbria.
Piccola sorpresa: grazie al progetto “BloodRed”,nato dall’unione dell’esperienza di musicisti appartenenti a
rse, commemoreremo la prematura scomparsa di Jeff Hanneman (Slayer).
Tante saranno le emozioni in un crescendo di energia, dall'Hard Rock più classico, passando per le
composizioni più moderne dello Stoner Rock, per arrivare al Thrash e Death Metal, nel solito clima sereno e
cordiale, tra paradiso e inferno... THE WAY TO HEAVEN & HELL.
**********


Online le foto del concerto dei Bunker 66 + Guru of Darkness + Camera Obscura
del 25/11/2011
all'insomnia

**********

Pubblicità
Links
Web Zine
Band
Altro
Sito
Aggiungi preferiti
Segnala ad un amico

NeraLuce
Nera Luce - 2007

I calabresi Nera Luce si presentano per la seconda volta al pubblico, dopo l'EP del 2002, con un lavoro di ben undici pezzi, dalla buona produzione, dato che il suono è chiaro e nitido; il CD dura circa 45 minuti e comprende i testi, in italiano, interessanti, stampati con grafica molto curata e buon contrasto di colori. La copertina raffigura un ominide, o forse un alieno, che guida i suoi simili in mezzo all'oscurità, facendosi schermo con le mani, per guardare meglio attraverso l'oscurità della "nera luce". La foto interna, a nostro avviso, è un po' troppo casual: ci permettiamo, pertanto, di consigliare alla band una maggior cura dal punto di vista dell'immagine, dato che non parliamo di un gruppetto di scalcinati alle prime armi, ma di musicisti preparati, che possono veramente andare lontano.
Il disco si apre con "Insidie", invettiva contro la società odierna, caratterizzata da un bel riff e da un valido assolo di chitarra; "Giuda" è più aggressiva, essendo probabilmente legata ad una vicenda personale; "Luna piena" è il primo picco di eccellenza, visto che parliamo di una lenta psichedelica, all'insegna della disillusione. Si continua con "Apnea", brano diviso in due parti: la prima effettata ed ipnotica, la seconda leggermente darkeggiante, con la sezione ritmica in gran risalto e la tastiera che si alza imponente, per un vortice finale in stile anni '70. Segue "L'infinita danza", legata ad interessanti cambi di tempo e ad un altro notevole assolo.
"Abra Calabria", come è facilmente intuibile già dal titolo, è una denuncia contro il sistema criminale calabrese, dove 'ndrangheta e politica coincidono, in mezzo all'indifferenza di molti: canzone aggressiva - come è normale che sia, dato il tema trattato - interrotta a metà da un breve intermezzo, seguito da echi zeppeliani, dove il cantante si lancia in un'ottima prova vocale sul tappeto sonoro dell'elettricità finale. Ancora aggressività su "Telecomandati", contro la gente che non ha più la coscienza critica di scegliere che programma guardare o di spegnere la televisione che trasmette quasi sempre spazzatura, gente ormai ad uso e consumo di chi sta nella stanza dei bottoni, in balia di chi decide per noi, come i pupi nelle mani del burattinaio.
"Sane bugie" è un brano velatamente antireligioso, dove la denuncia non è così evidente, bensì va scovata: dapprima veloce, poi ancora coinvolgente psichedelia. "Semplice" è una lenta acustica, che ci dona un po' di speranza, mentre la conclusione è affidata a "Nera luce", dal testo personale, rivolto ad una donna che ormai fa parte del passato.
Consigliamo l'album agli amanti del rock e dell'hard rock, con la speranza che funga da segnale di partenza per una rinascita sonora, dopo un decennio in cui siamo stati seppelliti sotto "note" emesse da persone completamente incapaci di suonare, ma con la presunzione di incarnare il rock, senza capire che, invece, rappresentavano solo se stessi e l'attualità di un periodo di enorme decadenza musicale. Se l'epoca post grunge, pertanto, fosse definitivamente archiviata, a nostro parere, torneremmo ad assistere a spettacoli ricchi di calore, ma anche di tecnica, entrambi punti di riferimento che i Nera Luce tengono molto in considerazione e che, nel loro CD, sono riusciti ad amalgamare in modo efficace.

Contatti: www.neraluce.it
www.myspace.com/neraluceband

Voto: 7.5

Giuliano Latina

Recensione vista 127 volte

Created by Powser - Graphic by KWD
Creative Commons License
Truesicilia.org è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.