Privacy Policy
Crea sito
Header
HomeNewsPhoto GalleryContattiSegnalazioniTeam
truesicilia
Prossimi Concerti
Blog
Locali
Photo Gallery
GuestBook
Recensioni & co.
Live Report
Recensioni Band
Recensioni Cd
Recensioni video
Interviste
Inserisci
News

[12/06/2013]

Comunicato We Rock Fest

Dopo tanta attesa,torna per il quarto anno consecutivo l'evento estivo catanese dedicato al metallo pesante.
Rinfrescheremo due notti torbide nel consueto splendido palcoscenico naturale alle pendici del vulcano...
e non a caso quest'anno il fuoco è protagonista anche dell'artwork della locandina, poichè i nostri ospiti musicisti anche stavolta sapranno creare l'atmosfera esplosiva che contraddistingue l'evento da sempre.
Siamo orgogliosi di presentarvi il bill del WE ROCK FEST IV OPEN AIR 2013: quest’anno si affiancheranno a
valide band siciliane e calabresi, gruppi provenienti da Toscana, Piemonte e Umbria.
Piccola sorpresa: grazie al progetto “BloodRed”,nato dall’unione dell’esperienza di musicisti appartenenti a
rse, commemoreremo la prematura scomparsa di Jeff Hanneman (Slayer).
Tante saranno le emozioni in un crescendo di energia, dall'Hard Rock più classico, passando per le
composizioni più moderne dello Stoner Rock, per arrivare al Thrash e Death Metal, nel solito clima sereno e
cordiale, tra paradiso e inferno... THE WAY TO HEAVEN & HELL.
**********


Online le foto del concerto dei Bunker 66 + Guru of Darkness + Camera Obscura
del 25/11/2011
all'insomnia

**********

Pubblicità
Links
Web Zine
Band
Altro
Sito
Aggiungi preferiti
Segnala ad un amico

Noble Savage
Killing for Glory - 2007

Il primo album dei Noble Savage, registrato nel 2003, vede la luce solo nel 2007, per via di intoppi discografici: è vero che la pazienza è la virtù dei forti, ma, nel frattempo, la formazione ha registrato le defezioni del cantante e del batterista. Il disco è, pertanto, testimone di un’epoca non tanto remota, ma non ci permette di valutare le prospettive del futuro suono del gruppo. Il CD esce sotto i vessilli della Underground Symphony: la classe non è acqua, dati il buon audio e l’elegante libretto plastificato, perfettamente leggibile grazie ad una ottima scelta grafica e cromatica, con una copertina tipicamente fantasy e con le foto interne a confermare l’attitudine “true” dei catanesi.
Il disco, della durata complessiva di un’ora, inizia con un brano manowariano, un epic cadenzato, chiamato “Lady of the Snows”, seguito da “Wind of Victory”, power metal un po’ scontato, che migliora nel finale grazie alle chitarre assassine di Luca Campione e Giuseppe Seminara. Il primo momento di rilievo è senz’altro “Noble of the Sea”, lungo pezzo di stampo maideniano, che provoca i brividi a chi lo ascolta con consapevolezza: una notevole composizione, con parti veloci e lente in alternanza ed in perfetto equilibrio.
Una breve introduzione, segnata da un oscuro suono di campane, apre “Shadow of the Night”, canzone diretta, orecchiabile, tipicamente classic metal, da cui è stato tratto un video. Un’altra solenne intro tastieristica, impreziosita da una voce recitata, ci porta ad un'altra fase clou del lavoro: “Time to Kill”, brano epico, in cui la sezione ritmica, formata da Riccardo Liberti e Riccardo Cascone, scandisce il passo da battaglia, mentre gli acuti di Alfonso Giordano squarciano l’aria; il pezzo rallenta, poi riparte in un crescendo aggressivo, per finire in un fiume di tastiere addizionali.
Segue “Black Blade”; usiamo impropriamente il termine “suite” per definirla, visto che è suddivisa in tre parti: la prima power, lenta la seconda, la terza dominata da cavalcate maideniane. Un momento di grande respiro è creato da “Seasons of Lies”, atmosferica, melodica, interpretata con un’intensità d’altri tempi dal cantante, accompagnato nella sofferenza da una malinconica chitarra. Il disco si chiude con “We’ll Never Die”, power dal ritornello coinvolgente, breve ma efficace e con “Dreaming”, cover degli Heavy Load, lenta darkeggiante con bei cori e tastiere efficaci.
Sappiamo benissimo che le coordinate per il genere proposto furono dettate una trentina di anni fa e che l’album dei Noble Savage non si può definire innovativo, ma riteniamo di saper distinguere tra chi scopiazza spudoratamente dai leggendari padri e chi rielabora con maestria, competenza e personalità. Consigliamo il CD non solo ai nostalgici ed agli amanti delle sonorità epic e power, ma, soprattutto, a chi non riesce a convincersi che le emozioni nascano soltanto dalla velocità o dalla distorsione, come molti, al giorno d’oggi, purtroppo, credono.

Contatti: www.noblesavage.it

Voto: 8

Giuliano Latina

Recensione vista 127 volte

Created by Powser - Graphic by KWD
Creative Commons License
Truesicilia.org è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.